Le torrine lottano nel derby contro il San Vito

GPS San Vito – US Torri 3-1 (25-20, 25-20, 21-25, 25-12)

Il primo derby vicentino della stagione finisce – come del resto era da pronostico – in favore dell’esperto San Vito delle ex Vallotto, Borriero e Zaramella, con le torrine che comunque per tre set hanno saputo mettere in difficoltà le avversarie, crollando poi nel quarto, dove hanno regalato più di 10 punti.
Esordio per Marzari, Moltisanti (2004) e per le ancor più giovani gemelle Giorgia e Giulia Compagnin e per Isabella Munari, sorella di Alice.

Biancoverdi in campo con Curti al palleggio in diagonale con Bortolamedi, Alice Munari e Bertin in banda, Canella e Tomiello al centro, Pinato libero.
Munari, Canella e Curti firmano i primi 3 punti e Bortolamedi con 2 ace spinge per il 4-9, ma il recupero delle padrone di casa è repentino, con il pareggio che arriva sul decimo punto con un muro, poi il San Vito si aggiudica due scambi prolungati e le torrine si innervosiscono per il 13-10. Entra Bertozzo al posto di Munari e poco dopo firma il nuovo pareggio, ma dura poco e sul 20-17 Radice stoppa il gioco, senza però riuscire ad invertire il trend del set.
Torna Munari per il secondo set, le biancoverdi soffrono un po’ in ricezione in aio regalando facili contrattacchi alle avversarie, ma rimangono in carreggiata e Bortolamedi con 2 attacchi consecutivi prova a mettere la freccia sull’8-10. Il San Vito continua a forzare al servizio e mette a segno altri 2 ace (15-11), con Isabella Munari che fa il suo esordio in B2 nel ruolo di libero. Tomiello accorcia e – con qualche errore delle padrone di casa – le torrine accorciano per il 17-16. Canella risolva e muro una “situazione pericolosa”, ma la ricezione continua a traballare e nel finale il San Vito allunga ancora e alla terza occasione va a chiudere il set.
Radice mescola le carte, spostando Munari in posto 2 e Bortolamedi in 4. il Torri parte meglio (1-6), San Vito passa avanti e si porta fino al 16-13 con un muro e un ace, ma le biancoverdi continuano a lottare. Bertin trova due ace, poco dopo va a segno con lo stesso fondamentale anche Canella,, Tomiello ferma per 2 volte consecutive gli attacchi delle padrone di casa a muto e Curti va a chiudere direttamente dai 9 metri.
Le energie sono però quasi finite e al ritorno in campo le torrine commettano un errore dopo l’altro, con Radice che sul 13-3 ha già utilizzato entrambi i timeout a sua disposizione. Lo svantaggio aumenta, poi nel finale arriva l’ultima reazione d’orgoglio, con le biancoverdi che recuperano qualcosa e fanno sudare alle avversarie gli ultimi punti.

Ci sono partite che dobbiamo vincere ed altre che sono fondamentali per fare esperienza – esordisce coach Radice – Con il San Vito abbiamo avuto una bella lezione di pallavolo, perché è una squadra che difende molto ed ha un sistema di gioco che ci ha messo in difficoltà, mentre noi facciamo ancora fatica a cambiare in corsa il nostro.
Non ho nulla da recriminare da questa partita, non è facile giocare a questi livelli e sono comunque contento dell’approccio che hanno avuto le ragazze, che si sono innervosite, ma sono riuscite a recuperare.
Le 2002 stanno trascinando questo gruppo, le 2003 stanno reggendo bene il campo e hanno trovato spazio anche molto ragazze del 2004 e 2005… Dobbiamo andare avanti un passo alla volta
”.