La ricezione traballa, Porto prende il largo

Euromontaggi Porto – US Torri 3-0 (25-19, 25-16, 25-14)

Il Torri ci ha provato contro la seconda della classe, recupera 5 punti prima di soccombere nuovamente nel primo set e rimanendo in scia fino al 14-13 del secondo set, ma il divario con le padrone di casa era troppo alto e soprattutto è stata una serata poco felice in ricezione, con 15 ace diretti subiti ed una panchina corta per Radice, con le 2004 impegnate in serie D.

Le biancoverdi scendono in campo con Curti al palleggio in diagonale con Bertozzo, Tomiello e Canella al centro, Bortolamedi in banda in coppia con Bertin – per la prima prima del primo e terzo set – e Munari – per il secondo e parte degli altri set -, Pinato libero.
Il Torri si trova subito ad inseguire, con Radice che sul 16-10 ha già utilizzato entrambi i timeout a sua disposizione. Il divario aumenta ancora, poi Tomiello trova un buon turno al servizio e Bertozzo in pallonetto accorcia per il 19-14 e poi sempre lei al servizio guadagna un altro punto. Le padrone di casa sbagliano per il 22-19, ma la rimonta delle torrine si ferma lì.

Al ritorno in campo Porto conquista subito 3 punti di vantaggio, Munari accorcia, ma la ricezione soffre: 10-6. Con pazienza e grandi difese, le biancoverdi si rifanno sotto, con Canella che mura per il 10-9 e Munari che continua a far sentire il fiato sul collo alle avversarie fino al 14-13. Qui Porto “spacca” il set con la battuta e continua per la sua strada firmando un break di 9-3.

Ancora 4-1 in avvio di terzo set, solo che stavolta arriva anche il 6-1, con Radice che stoppa il gioco, non riuscendo però ad invertire il trend della partita, con Porto che continua a mettere in ginocchio la difesa torrina e vola per il 21-8. Negli ultimi punti le biancoverdi riescono a fare meglio delle avversarie, ma è un 25-14 severo.