Altra gran partita della B2, ma non basta contro il Noventa

US Torri – Ipag Noventa 1-3
(25-17, 23-25, 23-25, 19-25)

Due squadre con obiettivi diversi e classifica diversa, ma quello di ieri tra Torri e Noventa è stato un derby vero per la gran parte della partita, prima della resa delle torrine, che non sono riuscite a reggere oltre – soprattutto mentalmente – un ritmo così alto.
Eppure, dopo il colpaccio di Cerea di fine anno, sembrava che potesse essere con il botto anche l’inizio anno, con le biancoverdi che hanno vinto il primo set tenendo la testa avanti dall’inizio alla fine, hanno lottato su ogni pallone nel secondo arrivando fino al 23-20 che ha fatto sognare… una gran occasione non concretizzata e che avrebbe forse potuto cambiare le sorti dell’intera partita. Nel terzo la partita ha preso la piega prevista, con il Noventa che ha mostrato tutta la sua superiorità, eppure anche lì le torrine non hanno mollato, lottando fino alla fine e annullando 5 set-ball, ma è stato nuovamente 23-25. A senso unico, il quarto set.

Comunque positivo coach Radice: “Abbiamo giocato con molto intensità, siamo in un momento di crescita e dobbiamo continuare così; certo, paghiamo ancora l’essere una squadra piena di 2003, ma la strada è quella giusta.
Dobbiamo essere più cinici e concreti nei momenti decisivi, ma per noi questo livello è molto alto per noi e va bene così… anche se dispiace molto per il secondo set, perchè potevano chiuderlo e conquistare un punto importante
”.

Le biancoverdi hanno affrontato la partita con Curti al palleggio in diagonale con Bertozzo, Bortolamedi e Bertin in banda, Canella e Munari al centro, Pinato libero.
Gli scambi sono subito combattuti, con le torrine che prestano attenzione in fase di muro-difesa e concretizzano in attacco, risultando efficaci anche al servizio. Il Noventa pareggia in un paio di occasioni, me le biancoverdi riescono sempre a riallungare, con le avversarie che sbagliano per il +4, Bortolamedi che allunga in attacco, Bertin e muto e Canella al servizio: 20-13. Munari conquista il ventiquattresimo punto e alla seconda occasione chiude Canella a muro.
Ancora equilibrio nel secondo set, solo che questa volta sono le torrine ad andare a riprendere il Noventa, che con 2 muri consecutivi su porta sull’8-12, costringendo Radice al timeout. Bortolamedi accorcia, Munari pareggia al servizio… si torna a -2 e Bertin pareggia ancora sulle mani per il 17-17… ancora -2. Le biancoverdi recuperano ancora una volta e mettono la prima volta la testa avanti con un pallonetto di Munari sul 20-19, con Bertin che spinge al servizio e Canella incrementa per il 23-20. Poi il buio, con qualche difficoltà in ricezione, un errore in attacco e due muri del Noventa.
Nel terzo set le biancoverdi accusano u po’ il colpo e sono in difficoltà un po’ in tutti i fondamentali, con Radice che stoppa il gioco prima sul 4-7 e poi sull’8-14, con lo svantaggio che arriva a toccare le 8 lunghezze. Entrano Tomiello per Canella e Giulia Compagnin in seconda linea, ma la reazione arriva solamente nel finale, con Bertozzo che annulla le prime 2 palle set, Munari a muro le due successiva, la quinta ancora Bertozzo in pallonetto per il 23-24, prima dell’errore al servizio mette fine alle speranze.
Torna Canella nel quarto set, con le torrine che iniziano con 2 errori in attacco e continuano con qualche incertezza, non riuscendo più a contrastare le avversarie. Sul 6-14 Radice ha già esaurito i timeout a sua disposizione. Le biancoverdi non si arrendono, continuano a dare battaglia, ma non riescono a recupera terreno.