Presentato il 7° Challenge Città di Torri

E’ stata presentata questa mattina nella sala del Consiglio di Palazzo Trissino a Vicenza la 7a edizione del Challenge Città di Torri – 1° Trofeo Thema Studio, alla presenza dei sindaci ed assessori dei 10 comuni coinvolti, insieme ai rappresentanti della Provincia di Vicenza, la Fipav Veneto e la Fipav Vicenza, il CONI Veneto, la Lega Pallavolo Serie A e Il Giornale di Vicenza.

E’ difficile mettere insieme più amministrazioni comunali, l’US Torri ci è riuscita ancora una volta, con Torri di Quartesolo, Vicenza, Longare, Quinto Vicentino, Camisano Vicentino, Grumolo delle Abbadesse, Grisignano di Zocco, Bressanvido, Gazzo Padovano e Bolzano Vicentino che hanno risposto alla chiamata della società biancoverde, permettendo così di portare nel vicentino dal 18 al 20 Aprile il meglio della pallavolo italiana giovanile.
“Ci siamo messi insieme per lo sport, per permettere lo svolgimento del torneo e la crescita delle campionesse del domani – ha commentato l’assessore allo sport di Vicenza Matteo Calebron – Quando si tratta di olimpiadi o mondiali siamo tutti davanti alla tv a tifare, ma ci dimentichiamo che per ottenere certi risultati bisogna prima passare dal settore giovanile”.
Il Challenge si è sempre distinto per l’organizzazione ed il livello delle squadre: 15 quelle presenti nella scorsa edizione che si sono poi qualificate alla nazionali, con una gran concentrazione in under 14, dove le squadre sono state 7, di cui 4 hanno chiuso tra i primi 6 posti, con Casal De Pazzi campione del 6° Challenge e vincitore dello scudetto. Tante anche le atlete che nel corso degli anni sono passate dai campi del Challenge a quelli delle finali nazionali, a quelli di serie A e a vestire la maglia azzurra, non solo delle nazionali giovanili, ma anche di quella maggiore, come Marina Lubian, argento agli ultimi mondiali.

Delle 84 squadre al via – nuovo record – solo 4, una per categoria, saranno le vincitrici sul campo, ma a vincere saranno tutte le oltre 1000 atlete, perché la vittoria più grande è lo sport, il divertimento, l’aggregazione… come hanno sottolineato il presidente dell’US Torri Nicola Bastianello e il presidente del CONI Veneto Gianfranco Bardelle.

Ad elencare le principali novità di questa edizione l’ideatore del Challenge, Dario Tagliabue. Dopo “l’esperimento” delle dirette facebook dell’anno scorso, quest’anno le finali saranno trasmette con uno streaming di alto livello, con riprese di due telecamere, microfoni in panchina durante i timeout e telecronaca. A chiudere la 3 giorni sarà inoltre la categoria under 18, torneo nel quale, grazie alla mancanza di collegiali nazionali, il livello è salito esponenzialmente.
Tra le “conferme”, il corso incentivante dei direttori di gara, che svolgeranno la parte pratica sui campi del Challenge “Dall’anno scorso ne viene svolto solamente uno a stagione e ancora una volta sarà qui a Torri – ha ribadito il presidente dalla Fipav Veneto Roberto Maso – E’ un appuntamento importante per i nostri fischietti, quest’anno ben 65, che potranno farsi le ossa in una manifestazione importante”.

Il presidente dalla Fipav Vicenza Domenico Piano ha invece elogiato il lavoro dell’US Torri, a cui è stata affidata quest’anno anche l’organizzazione della festa finale del minivolley: “Ci vuole tanta voglia e tanto tempo per organizzare manifestazioni così ed è sempre più difficile trovare persone disposte a farlo… qui invece ogni anno trovi tante “persone comuni” che si prendono ferie appositamente per contribuire alla riuscita del torneo, per aiutare dei giovani a crescere, ma anche per aiutarsi e fare squadra tra loro”.

Amministrazioni comunali, sponsor, società del gruppo Volley Friends, oltre 200 volontari (per la maggior parte genitori e dirigenti): gli ingredienti ci sono tutti, ora si attende solamente l’arrivo delle squadre!