Buon sesto posto al Memorial Campesan

Finisce ancora una volta contro Casal De Pazzi la scalata delle torrine al Memorial Campesan. L’anno scorso in semifinale, questa volta ai quarti.
Il cammino delle giovani di Biondi-Giatti era già “segnato” all’uscita del calendario e perdere una partita del girone iniziali per evitare di incontrare le romane ai quarti non significava solo andare contro lo spirito sportivo, ma anche incontrare San Donà agli ottavi… e sono state queste due le formazioni che hanno poi dato vita ad una combattuta finale.

Contro Casal De Pazzi il Torri non ha comunque demeritato, anzi, ha ricevuto anche i complimenti del CT della Nazionale Mazzanti che ha assistito al match e apprezzato il livello di gioco. Le torrine hanno retto bene il ritmo fino alla metà dei set, poi la maggior esperienza delle avversarie – che giocano in B2 – anche la maggiore fisicità ha fatto pendere l’ago della bilancia in favore delle avversarie.
Fuori dalle prime 4, le biancoverdi hanno poi alzato bandiera bianca anche contro il Coselli, che proprio con le torrine ha fatto la miglior partita non solo del torneo, ma forse anche stagionale, non sbagliando veramente nulla, poi la vittoria contro Novara che è valso un buonissimo settimo posto.

“Il bilancio del torneo è sicuramente positivo – commenta coach Biondi – è stato un torneo di alto livello, dalla prima squadra che abbiamo incontrato (il Lemen di Malinov, lo scorso anno secondo alle finali nazionali U14) all’ultima e soprattutto in ogni partita tutta la squadra ha dimostrato di essere all’altezza: non c’è stata una partita – o set all’interno della stessa partita – in cui la formazione è stata la stessa, ogni ragazza ha potuto trovare i suoi spazi e tutte si sono fatte trovare pronte e questa è la forza principale del nostro gruppo.
Un plauso anche a Marta Gazzero, venuta con noi nei panni di secondo libero e che potuto anche lei ha potuto mettersi alla prova”.